Desaparicion de las imagenes

jordi alcaraz
Desaparición de las imagenes / La scomparsa delle immagini

luogo: Galleria Torbandena
durata: 20 novembre 2010 – 15 gennaio 2011
inaugurazione: sabato 20 novembre 2010 ore 18.30

La Galleria Torbandena di Trieste presenta Desaparición de las imagenes / La scomparsa delle immagini, una personale che raccoglie i lavori più recenti dell'artista catalano Jordi Alcaraz.

Classe 1963, Alcaraz è uno degli artisti più interessanti dell'attuale panorama dell'arte contemporanea internazionale, molto richiesto dal collezionismo privato, è rappresentato da alcune tra le più prestigiose gallerie europee, tra cui Michael Haas a Berlino e Joan Prats a Barcellona. I suoi lavori sono da tempo presenti nelle principali fiere d'arte contemporanea del mondo, da Art Basel e Art Basel Miami ad Art Chicago, dal FIAC di Parigi ad ARCO a Madrid e Arte Fiera di Bologna. Alla fine di settembre si è aperta la sua prima personale d'oltreoceano alla Jack Rutberg Gallery di Los Angeles.

Le opere di Jordi Alcaraz si collocano a metà strada tra la scultura ed il disegno.
L'artificiosa fusione di materiali diversi tra di loro per definizione, svolge il ruolo del protagonista assoluto e conferisce a tutti I lavori dell'artista una sorta di ricercata atemporalità: la polverosa fragilità di un vecchio libro ritrovato in chissà quale mercato delle pulci diffonde stralunati messaggi di modernità quando lo si rivede attarverso un foglio di plexiglass, così come un gigantesco vaso di creta – superstite di chissà quale antico naufragio - che pende a rovescio su di un piedistallo fissato al centro del tetto della sala dal quale si diffonde un rumore di pietre che cadono da vita ad un prodigio artificiale, un'espilicita finzione che ha come fine ultimo quello di confondere lo spettatotore giocando con le sue percezioni primordiali. In questa strana amalgama scompaiono le immagini, immagini che nella genesi dell'opera si allontanano lasciandosi dietro il segno della loro antica presenza in quei fori che spesso deturpano la superfice pittorica, o altre volte dimentiche di un pò del loro colore rimasto impigliato in un ansa del foglio.

Un cosciente e scientifico minimalismo, fatto di pochi ed ben ponderati interventi pittorici o scultorei è il fondamento della poetica dell'artista catalano capace di attrarre con garbo ed ironia – anche attraverso I titoli dei suoi lavori - nella profondità della ricerca della diversa essenza delle cose, offrendo allo spettatore la scoperta del del lato B dei rumori del mondo, un mondo, quello suo, ridisegnato, rivisto ed poi nuovamente raccontato attraverso il gioco del paradosso e della metafora.

La rassegna sarà accompagnata dalla presentazione di una nuova pubblicazione dedicata ad Alcaraz, Dibuixos un libro frutto della collaborazione tra quattro gallerie - Galleria Torbandena, Galeria Nieves Fernandez di Madrid, Galerie Stefan Roepke di Colonia e Jack Rutberg Gallery di Los Angeles - in cui sarà pubblicata parte dell'ultima produzione dell'artista catalano, accompagnata dai testi critici di Mariano Navarro e Peter Selz.

Catalogo Disponibile